le Finalità

Finalità

Il Progetto si propone di facilitare:

  • la progettazione in continuità verticale tra Ordini di Scuola e orizzontale con il Territorio, sia in tema di lettura e ambiente, sia a livello di raccordo con l’ambito delle edizioni per sapere, per immaginare e per fare e di coloro che e ne occupano;
  • il servizio bibliografico e multimediale a supporto dei curricoli; l’archiviazione e l’accesso alla documentazione di attività, iniziative, per un confronto produttivo sulle esperienze di qualità delle Scuole;
  • l’animazione di laboratori di approfondimento per il piacere di leggere, elaborare e ricercare informazioni ampiamente intese; la promozione di autonomia, flessibilità , trasferibilità nel rispetto per i bisogni e gli interessi di lettura individuali degli alunni, per libera scelta e secondo i loro livelli di apprendimento, anche a prescindere dai curricoli delle classi di appartenenza;
  • la promozione del piacere di leggere e informarsi in ottica permanente, utilizzando in modo significativo e integrato dotazioni librarie e multimediali.

Obiettivi generali

Il Progetto si propone di facilitare

  • climi di ascolto, attivazione, condivisione, corresponsabilità, cooperazione, complementarietà tra alunni e docenti e fra essi e la collettività in cui le Biblioteche operano;
  • motivazione degli allievi ad apprendere da se stessi e dagli altri, utilizzando le dotazioni bibliografiche e plurimediali e le ricerche sul campo, in situazione di conferma delle diverse identità;
  • la formazione in servizio degli insegnanti, con iniziative tematiche, ma anche attraverso la costante lettura e disponibilità continuamente aggiornata delle pubblicazioni più accreditate, rispondendo a interessi liberamente espressi da allievi ed adulti;
  • l’interscambio tra Scuola, Famiglie e Collettività, attraverso la sensibilizzazione alla lettura vicariale, la condivisione del piacere di leggere, l’apertura delle biblioteche scolastiche al pubblico, in occasione di Mostre, eventi o iniziative culturali. Oppure anche sistematicamente e in modo ancora più diffuso, con apertura in orario extrascolastico laddove non esiste – come nell’entroterra – un servizio civico, o cooperando con questo qualora sia in funzione;
  • la disponibilità alla consulenza bibliografica e biblioteconomica per il comprensorio, soprattutto rispetto alle fasce d’età in continuità verticale.

Obiettivi specifici

Progressiva conquista di autonomia rispetto a

  • piacere di leggere e cercare informazioni per libera scelta;
  • consultazione e ricerca (generi, indici e richiami, soggetti e parole chiave);
  • regole di collocazione Dewey, in continuità con le Biblioteche provinciali, nazionali e non solo;
  • operazioni di prestito e restituzione che presuppongano
    l’individuazione di autore, editore, titolo e collana;
  • abitudine alla visita in altre Biblioteche e Librerie territoriali;
  • utilizzo complementare di materiale orale- ambientale, bibliografico e multimediale;
  • espressione attraverso vari linguaggi, verbali, iconici, sonori,
    manipolativi, simbolici, audiovisivi, digitali, recuperando gusto
    creativo e di costruzione/fruizione dell’immaginario;
  • lettura ampiamente intesa (pubblicità, teatro, ambiente naturale,
    storico, geografico, antropico, digitale);
  • organizzazione di notizie e dati, annotando, selezionando, sintetizzando, acquisendo abilità di studio e di comunicazione in
    diversi contesti.

Monitoraggio

  • Osservazione eteroreferenziale delle attività effettuabile da
    tirocinanti di licei psicopedagogici e da studenti della facoltà di
    Scienze della Formazione
  • Dati qualitativi rispetto alle letture per libera scelta, considerati nel loro percorso evolutivo.

Valutazione

  • Questionari a completamento e scelta multipla, compilabili da bambini e ragazzi a inizio e al termine delle attività.
  • Questionari a complemento e scelta multipla compilabili dai familiari degli alunni e dagli utenti che frequentano le biblioteche.
  • Valutazione dell’esperienza attraverso i feedback negli Organi Collegiali: Assemblee e Consigli di Classe e /o Sezione, interclassi, Collegi Docenti, Consigli D’Istituto.
  • Osservazione degli influssi sull’adattamento scolastico, la
    stimolazione all’apprendimento, la trasferibilità di competenze.
  • Prove standardizzate di comprensione e di motivazione alla lettura per libera scelta.
Salta all’inizio